domenica 30 maggio 2010

sabato 29 maggio 2010

Non ho nessun potere

Scusassero gli amici. Sto lavorando come un mulo.

mercoledì 21 aprile 2010

Super Mario King Kong

Nel campo si esulta tutti come bimbi. Solo uno c’ha il broncio sopra ai muscoli. Leva la maglia appena tiepida di sudore, e la scaglia all’erba. Balotelli. Le cose grandi sono grandi nei dettagli specie alla resa dei conti: un attimo prima che scoppi lo stallo nei Basterds di Tarantino, Deiter Hellstrom dice che King Kong è la storia dei neri d’America. A quest’altra resa, cosa dice Balotelli? Vaffanculo, dice. Niente da fare. Il ragazzo è il selvaggio. La scintilla che lo fa andare di tacco in sombrero, è la stessa che gli impone di guardare agli spalti. Non tollerando disapprovazione alcuna, dimostra di faticare a riconoscere una strana consuetudine dello spettacolo. Quella che permette ogni rimostranza al pagante. Non ci sta, il selvaggio, nella regola. Si sbatte, si dimena, ne caccia guerre a oltranza. Fa come King Kong: si ribella al flash.

sabato 20 febbraio 2010

sanremo è una cosa seria

A far caciara su sanremo, ‘sti boccaloni, che sarebbe uno show senza musica. Niente di più miope. Questa manifestazione è vanto e sunto nazionale, e la canzone italiana è talmente centrale che tutti gli elementi che parrebbero indirizzare il festival verso il puro show, ad un appena più attento colpo d’occhio, rientrano a corroborare la piena appartenenza tanto alla tradizione musicale nostrana quanto alla sua bella società.
Allora. Di artisti – quelli che l’arte la si spreme dall’intestino o dai testicoli, quelli autentici col sangue agli occhi – di artisti niente. Uno, il Morgan che vantava d’esserlo e pure maledetto fumando merda deprimente, il tizio s’è fermato prima di iniziare. La sua colpa è stata non aver tentato la sorte politica, ché il parlamento ha maggior comprensione in materia di coca. È sintomo della necessità di ostentare l’estremo in un paese in cui trionfa il medio. Ma il medio ha potere, quando ti schiaccia lascia in terra pattume levigato. Fortuna che almeno l’anima sua – pensa il crackaro – è andata a infilarsi in un ragazzotto con gli occhi truccati e la voce diabolica.
Poi c’è quello dei bimbi piccioni, i picciotti viaggiatori, che deve aver studiato qualche bignami di musica leggera. Ha messo un’orecchia sulla paginetta dei cantautori impegnati dei ’60 - ’70. Ha notato la ricerca del tema attuale, il vecchi trucco del pungolo di coscienza. Allora ha preso l’unghia del quinto dito di De Andrè, un boccolo di Gaetano, li ha imbottiti del favore e della sete dei media, e mano al mattarello ne ha impastato una caccoletta verde pisello. Ha detto che il tema trattato era forte, e gli italiani ne hanno avuto fiducia. Son buoni i piselli. Non si sono accorti che si tornava a dondolarsi su una sciapa forma d’amore, o forse gli è piaciuto così. L’amore trionfa, viva la fica della Mondello!
Poi c’è il Filiberto nazionale. Col suo muso lesso, raccomandato dal nanerottolo che cantava cazzi africani e con l’aiuto d’un povero tenore crocifisso per la patria, ha scritto e cantato una robaccia pornografica. Una roba intimamente monarchica e vergognosamente anacronistica. La bandiera ha sventolato in una cripta, la sua stoffa è mangime ai ratti. In soccorso arriva un generale di lungo corso prossimo all’ultima battaglia: si sa del patriottismo vincolato al pallone. Lippi presenta la canzone, la spiega. La sua esegesi avrà guadagnato gli applausi di Materazzi, Totti, Gattuso, ma sembrerebbe contro il regolamento. Pertanto anche Moggi avrà acclamato. Lodato sia il marmetto di Craxi.
Filiberto con gatto e volpe passa il turno soffiando il posto a gente di musica e teatro come D’Angelo, a gente dalla storia lunga – e ultimamente esoterica – come Ruggeri, a gente come il giovin Moro – che pur confuso e superficiale aveva provato a fare una roba di protesta. Ora mi auguro che i tre vincano. Lo so, farnetico. In genere le cose vengono messe a posto tagliando il porno dal podio, così la credibilità si salva pur mantenendo alto l’ascolto. Invece no. Sarebbe bello che d’ora in avanti le schifezze andassero fino in fondo compreso di sciacquone. Filiberto ha da vincere. Il popolino che l’ha votato se lo merita. È giusto. È premio sudato come il cavaliere. Comincio a credere che vada bene così. Quando gli Italiani… anzi, quando gli italiani votano abboccano alle truffe più grossolane e scelgono puntualmente il peggio. Probabilmente sarebbe opportuno ridurre il numero dei votanti in qualunque ambito siano chiamati ad esprimersi. Ispessire i filtri. Il cigno non piace affatto ai maiali. Se proprio non gli viene di grugnire, è bene si riempia le gote di merda.
Me cago en la puta madre que nos pariò!

sabato 13 febbraio 2010

remake di un vecio film

Ethan e Joel, premiata ditta, hanno fatto il remake di "Fratello, dove sei?" ("Brother, where art thou?") innovandolo ampiamente. Il mito resta. Non si rincorre più Itaca ma le belle Sodoma e Gomorra. Ammazza, aò!

mercoledì 20 gennaio 2010

lunedì 18 gennaio 2010

nudo di donna a caso

world wide paint
"nudo di donna a caso"

"Vivid figures sticking to my mind. A dancing princess: in the right hand, her head cut off, no blood."
Thousand wrapped up spirits, A.Z.

domenica 17 gennaio 2010

Gli orfanelli negri di Haiti

Come bastasse la montatura rossa a farsi vicino ai molti
Non ne sono certo, ma temo che questi angioletti dalla pelle gianduia e dagli occhioni languidi finiranno per crescere. Gli verrano braccia sode e nerchie nerborute. Finiranno per vendere hashish nei parchi cittadini e stuprare le poche donne bianche che scampano agli stupri dei parenti nelle mura domestiche. E poi un giorno, fra gli aranci calabresi o i pomodori agroaversani, scopriremo che tutta questa umanità avremmo fatto meglio a infilarcela nel culo.

giovedì 14 gennaio 2010

un mondo nuovo e fantastico

Questa cacchina ce l'avevo pronta da un po'. Mi brontolava nel tenue e non calava perchè mi intasavano certe coliche burocratiche. Ora il mio l'ho fatto, per il resto provvederà la segreteria dell'università. Quindi pare proprio che fra non molto mi laurei. Insomma, posso cacare adesso. E 'nto o culo l'attualità.

mercoledì 13 gennaio 2010

difendiamo questi sporchi negri

Feltri crede che il capolarato non sarebbe possibile a Busto Arsizio, migliaia di liberi cittadini si ribellerebbero. Evidentemente finge di ignorare alcune elementari ragioni storico culturali che fanno linfa nel Paese. Ogni borghesia piglia l’arroganza del luogo e la moltiplica per la sua ricchezza. In questo nord Africa diventa mafietta.
La maschera di Feltri ha fini editoriali, dunque commerciali, e in questo sistema opera da fuoriclasse. La passione che manda lo rende puro oltre ogni finzione. Pare difenderli gli extracomunitari, pare esserne parte, e li chiama negri per enfatizzare la sua purezza. Ma quando chi indossa la maschera del provocatore esprime due concetti in uno, non è dato sapere in quale dei due abbia infilato il paradosso.

sabato 19 dicembre 2009

matrifrida - viche perzi

Cocche vota chiuveva. Succede, comm’a n’incrocio ‘e pali. E cuanno chiuveva, stévemo ll’ore sane a guarda’ ‘n cielo pe’scuva’, dint’e nuvole, ‘nu pertuso ca ‘o sole se avessa potuto ‘nfizzà. E allarga’. E cuanno chiuveva, chella pòvera ‘e lava ca, cu’o sole, fina fina s’azzecca ‘n gann’ e nun fa arriciatà, s’ammastecava cu’ll acqua, s’appantanava, se spugnava, se quagliava, e faceva ‘na fanghiglia ca asciv’ a miez’o campo tutt’nzaccariato. Comme a dint’a ‘na trincea, pecchè nunn’è ‘o sang ca ammarchia a guerra, ma ‘o turreno. Pecchè si tiene ‘o sang n’cuoll, vo’ dicere ca d’a guerra nun ce ajesci cchiù.
Chella era a guerra nostra, ‘na guerra bella, senza carogne. E je e te erem’e campion tu a ‘na parte e je a chell’ata… chill’ ca addecidevano pe’ ll’ate: se vinceva e se perdeva si tu stive stuorto e je diritto o tutt’ ‘o cuntrario. Nemic’ sì, o’ principio erem’ nemic’. Ma cuanno aropp’ avimma jucato ‘nziem embè… cocche vota avimma fatt’o rrevuot Affre’: ‘na stagione, cu’o sole ch’arragliava n’capa e e’ pier’ ca vullevano n’copp’a stella splendente, veco ca t’arriva ‘stu pallone: è ‘na palla bbona, moscia moscia ca fa’ pe’tte ji’ ‘n capa… e ‘n pietto a me penso: oilloc oì, appizz’e ‘rrecchie ca mo succede coccosa… pecchè cu ‘a capa, Affre’, nun sì mai stato bbuono. Embè nemmen’o tiemp d’o ppensa’ ca veco ca te muov’ e ‘na manera ca me significa una cosa: ‘a spalla: m’a stai rann’ cu ‘a spalla. Ma nun me meraviglio pecchè, si ce sta na cosa ca te ‘mpara ‘o lagno è ca ea truva’ n’ata via, pecchè a lava è tosta e c’ea avuta’ attuorno. E ‘a palla me l’ea rata bbona, sulo ca je stev’pensann’ ‘sti ccose e mo me trovo aret’ rispett’o pallon’: teng’ a un n’cuoll e aggia correre, aggia correre, ‘o pallone sbatte n’terra e fa’ pe se ne jì mentre ‘o purtiere, pure ‘o purtiere, st’omme sfortunato, sta ascenn p’ s’o piglià, e je aggia correre, aggia chiudere ‘stu cerchio, nunn’aggia jittà chella palla… chella spalla e… corro, pe’ddui passi corro pecchè a’ palla era bbona, e mentr’o purtiere se fa annanz’ je allong’a coscia, cu’o per’ avutato, e ‘a piglio ‘e sola.
Uanam’ d’a maronna Affre’, spalla-sola nun’s’è mai vista manco fra Careca e Maradona!
Avimma fatt’a storia, ‘na storia piccerella e tutta nostra. Ma ‘o meglio d’a bellezza che vuo’ fa’, è cuanno stamm’ contro pecchè… pecchè forse ll’arte se fa a sul’, o pecchè ll’artista campa ‘a capa soja. E allora o’ vvir ca pe’vvulere e ‘ddio, ‘nu dio cchiù bell’ e cchiù tunn’ e cchiù preciso, avimma essere nemic’. Pecchè ‘e cumpagn so’ comm’o bancolotto, succedeno, comm’a ‘na traversa. Ma ‘e nemic’ invece, se sceglieno fino all’urdemo: pe’ paura, pe’ rispetto, pe’ curaggio. ‘E nemic’ so’ ‘nu specchio pe’vvede’ si tien’ ‘e palle. ‘E nemic’ so’ ‘nu tiro a giro, ca fa ‘n’ata via, ‘na via cchiù longa e cchiù precisa. Embè cumpagno mio, mo ca te stai spusanno e fai ‘a cosa cchiù bella, mo ca t’a aizi ‘e spalla e tu stess’ ‘a sign’ ‘e sola, t’aggia dicere tutt’o bbene ca te voglio e ca pe’ssemp’ tu sarrai o’ meglio nemic’ mio.
p
Mi perdoni il purista, ma per scrivere correttamente il napoletano occorrerebbero tre lauree in accentologia. E poi che ci importa? Alfredo sta iniziando a sposarsi.
Te quiero nemigo.

giovedì 17 dicembre 2009

a morte chi non mi fa scrivere 'a morte'

Questi sono luoghi di finzione. In molte lingue, compresa l'imperante, l'atto del recitare è espresso con lo stesso verbo con cui si designa quello del giocare. Perfino del suonare. Io suono, gioco, recito. Interpreto, mi assento da me, in sostanza fingo altro. Non pochi fra quelli che dall'alto del ticchettio dei tasti si fanno cagnacci, appena spenta la spia del pc si leccano le piume cardellini. Che male c'è? Perchè, ce n'è? I migliori cantastorie sono bugiardi. La menzogna gli è necessità, istinto e tregua. Stanno meglio, o piuttosto evitano di stare peggio. E allo stesso modo chi li ascolta ne succhia il godimento. Neanche per un attimo ci chiediamo quanta falsità c'è nella violenza del buon Quentin. Neanche per un attimo dubitiamo che voglia solo fare il guappo, nè che lo spettatore, l'ascoltatore, il lettore, si infilino nella finzione per succhiarne, oltre al godimento, un modello comportamentale. Qualora lo pensassimo, sottovaluteremmo la specie. Da quando lo scimmione ha iniziato a chiacchierare ha contemporaneamente iniziato a selezionare forma e significato. Della parola e del gesto. Del gesto e del pensiero.
Ora, al dunque, internet fornisce la possibilità piccola e piuttosto falsina di farsi pubblici. Non proprio come Warhol intese, molto di meno per fortuna, ma molto di più. E non mi pare motivo sufficiente a discriminare la fantasia o la libertà espressiva dell'individuo il solo fatto che tale fantasia e tale libertà espressiva non siano sostenute da una qualsiasi major hollywoodiana. Cosa si teme? Forse che - pur ammettendo la natura goliardica dei gruppi che su facebook apologizzano reati - dietro la burla si inizi per puro caso a tramare sul serio, a organizzarsi? E anche in questo caso, dico, che male ci sarebbe? La morte delle ideologie, la domenica delle salme, unita a questo scipito bipolarismo, ha frantumato non le classi sociali, ma la semplice idea di esse. Resta l'individuo, e la sua personale tv di fronte al suo personale letto. Paralisi. Fiato trattenuto. Oro per il migliaio di pupazzi che posano le chiappe sul pizzo della piramide. Insomma, se tramite quella merdata di facebook qualche spirito dovesse comunicare con qualche altro, che male ci sarebbe? Elasticità, diamine! Siamo pur sempre i nipotini di Gelli!

martedì 15 dicembre 2009

o mia bella madunina n°2

Eginone, ti capisco. Ma è più forte di me. Ancora ne rido. Pur ammettendo che Berlusconi non potrà che trarne giovamento, a livello d'immagine ma anche politico, è la sua salute mentale che mi preme. Il nano deve capire che la realtà è diversa da quello che lui vende da decenni. La realtà a volte ha espressioni autentiche. In ogni suo show la semantica ha una diversa taratura e diverse dinamiche. La parola può essere tagliente, polemica, tanto basta una battuta o un capezzolo che sborda a ricomporre gli animi. Ma la realtà no. Se nella realtà cammini in bilico su un filo di muco, prima o poi caschi, prima o poi becchi il tipo che non sei riuscito ad educare con mediashopping.
E poi, ogni pop o rockstar vanta il suo seguito di maniaci e mitomani. L'icona, dicevamo mettendolo sul busto del re lucertola, è anche questo.