sabato 19 dicembre 2009

matrifrida - viche perzi

Cocche vota chiuveva. Succede, comm’a n’incrocio ‘e pali. E cuanno chiuveva, stévemo ll’ore sane a guarda’ ‘n cielo pe’scuva’, dint’e nuvole, ‘nu pertuso ca ‘o sole se avessa potuto ‘nfizzà. E allarga’. E cuanno chiuveva, chella pòvera ‘e lava ca, cu’o sole, fina fina s’azzecca ‘n gann’ e nun fa arriciatà, s’ammastecava cu’ll acqua, s’appantanava, se spugnava, se quagliava, e faceva ‘na fanghiglia ca asciv’ a miez’o campo tutt’nzaccariato. Comme a dint’a ‘na trincea, pecchè nunn’è ‘o sang ca ammarchia a guerra, ma ‘o turreno. Pecchè si tiene ‘o sang n’cuoll, vo’ dicere ca d’a guerra nun ce ajesci cchiù.
Chella era a guerra nostra, ‘na guerra bella, senza carogne. E je e te erem’e campion tu a ‘na parte e je a chell’ata… chill’ ca addecidevano pe’ ll’ate: se vinceva e se perdeva si tu stive stuorto e je diritto o tutt’ ‘o cuntrario. Nemic’ sì, o’ principio erem’ nemic’. Ma cuanno aropp’ avimma jucato ‘nziem embè… cocche vota avimma fatt’o rrevuot Affre’: ‘na stagione, cu’o sole ch’arragliava n’capa e e’ pier’ ca vullevano n’copp’a stella splendente, veco ca t’arriva ‘stu pallone: è ‘na palla bbona, moscia moscia ca fa’ pe’tte ji’ ‘n capa… e ‘n pietto a me penso: oilloc oì, appizz’e ‘rrecchie ca mo succede coccosa… pecchè cu ‘a capa, Affre’, nun sì mai stato bbuono. Embè nemmen’o tiemp d’o ppensa’ ca veco ca te muov’ e ‘na manera ca me significa una cosa: ‘a spalla: m’a stai rann’ cu ‘a spalla. Ma nun me meraviglio pecchè, si ce sta na cosa ca te ‘mpara ‘o lagno è ca ea truva’ n’ata via, pecchè a lava è tosta e c’ea avuta’ attuorno. E ‘a palla me l’ea rata bbona, sulo ca je stev’pensann’ ‘sti ccose e mo me trovo aret’ rispett’o pallon’: teng’ a un n’cuoll e aggia correre, aggia correre, ‘o pallone sbatte n’terra e fa’ pe se ne jì mentre ‘o purtiere, pure ‘o purtiere, st’omme sfortunato, sta ascenn p’ s’o piglià, e je aggia correre, aggia chiudere ‘stu cerchio, nunn’aggia jittà chella palla… chella spalla e… corro, pe’ddui passi corro pecchè a’ palla era bbona, e mentr’o purtiere se fa annanz’ je allong’a coscia, cu’o per’ avutato, e ‘a piglio ‘e sola.
Uanam’ d’a maronna Affre’, spalla-sola nun’s’è mai vista manco fra Careca e Maradona!
Avimma fatt’a storia, ‘na storia piccerella e tutta nostra. Ma ‘o meglio d’a bellezza che vuo’ fa’, è cuanno stamm’ contro pecchè… pecchè forse ll’arte se fa a sul’, o pecchè ll’artista campa ‘a capa soja. E allora o’ vvir ca pe’vvulere e ‘ddio, ‘nu dio cchiù bell’ e cchiù tunn’ e cchiù preciso, avimma essere nemic’. Pecchè ‘e cumpagn so’ comm’o bancolotto, succedeno, comm’a ‘na traversa. Ma ‘e nemic’ invece, se sceglieno fino all’urdemo: pe’ paura, pe’ rispetto, pe’ curaggio. ‘E nemic’ so’ ‘nu specchio pe’vvede’ si tien’ ‘e palle. ‘E nemic’ so’ ‘nu tiro a giro, ca fa ‘n’ata via, ‘na via cchiù longa e cchiù precisa. Embè cumpagno mio, mo ca te stai spusanno e fai ‘a cosa cchiù bella, mo ca t’a aizi ‘e spalla e tu stess’ ‘a sign’ ‘e sola, t’aggia dicere tutt’o bbene ca te voglio e ca pe’ssemp’ tu sarrai o’ meglio nemic’ mio.
p
Mi perdoni il purista, ma per scrivere correttamente il napoletano occorrerebbero tre lauree in accentologia. E poi che ci importa? Alfredo sta iniziando a sposarsi.
Te quiero nemigo.

giovedì 17 dicembre 2009

a morte chi non mi fa scrivere 'a morte'

Questi sono luoghi di finzione. In molte lingue, compresa l'imperante, l'atto del recitare è espresso con lo stesso verbo con cui si designa quello del giocare. Perfino del suonare. Io suono, gioco, recito. Interpreto, mi assento da me, in sostanza fingo altro. Non pochi fra quelli che dall'alto del ticchettio dei tasti si fanno cagnacci, appena spenta la spia del pc si leccano le piume cardellini. Che male c'è? Perchè, ce n'è? I migliori cantastorie sono bugiardi. La menzogna gli è necessità, istinto e tregua. Stanno meglio, o piuttosto evitano di stare peggio. E allo stesso modo chi li ascolta ne succhia il godimento. Neanche per un attimo ci chiediamo quanta falsità c'è nella violenza del buon Quentin. Neanche per un attimo dubitiamo che voglia solo fare il guappo, nè che lo spettatore, l'ascoltatore, il lettore, si infilino nella finzione per succhiarne, oltre al godimento, un modello comportamentale. Qualora lo pensassimo, sottovaluteremmo la specie. Da quando lo scimmione ha iniziato a chiacchierare ha contemporaneamente iniziato a selezionare forma e significato. Della parola e del gesto. Del gesto e del pensiero.
Ora, al dunque, internet fornisce la possibilità piccola e piuttosto falsina di farsi pubblici. Non proprio come Warhol intese, molto di meno per fortuna, ma molto di più. E non mi pare motivo sufficiente a discriminare la fantasia o la libertà espressiva dell'individuo il solo fatto che tale fantasia e tale libertà espressiva non siano sostenute da una qualsiasi major hollywoodiana. Cosa si teme? Forse che - pur ammettendo la natura goliardica dei gruppi che su facebook apologizzano reati - dietro la burla si inizi per puro caso a tramare sul serio, a organizzarsi? E anche in questo caso, dico, che male ci sarebbe? La morte delle ideologie, la domenica delle salme, unita a questo scipito bipolarismo, ha frantumato non le classi sociali, ma la semplice idea di esse. Resta l'individuo, e la sua personale tv di fronte al suo personale letto. Paralisi. Fiato trattenuto. Oro per il migliaio di pupazzi che posano le chiappe sul pizzo della piramide. Insomma, se tramite quella merdata di facebook qualche spirito dovesse comunicare con qualche altro, che male ci sarebbe? Elasticità, diamine! Siamo pur sempre i nipotini di Gelli!

martedì 15 dicembre 2009

o mia bella madunina n°2

Eginone, ti capisco. Ma è più forte di me. Ancora ne rido. Pur ammettendo che Berlusconi non potrà che trarne giovamento, a livello d'immagine ma anche politico, è la sua salute mentale che mi preme. Il nano deve capire che la realtà è diversa da quello che lui vende da decenni. La realtà a volte ha espressioni autentiche. In ogni suo show la semantica ha una diversa taratura e diverse dinamiche. La parola può essere tagliente, polemica, tanto basta una battuta o un capezzolo che sborda a ricomporre gli animi. Ma la realtà no. Se nella realtà cammini in bilico su un filo di muco, prima o poi caschi, prima o poi becchi il tipo che non sei riuscito ad educare con mediashopping.
E poi, ogni pop o rockstar vanta il suo seguito di maniaci e mitomani. L'icona, dicevamo mettendolo sul busto del re lucertola, è anche questo.

lunedì 14 dicembre 2009

o mia bella madunina

Sospendo la quarantena per una grassa risata.
Ah, ah, ah!

domenica 6 dicembre 2009

giovedì 3 dicembre 2009

gianfranco fini has a dream

E chi se ne frega se col pappone c'ha magnato per tanti anni. E c'ha magnato pure bene. Oggi questo rampollo della bella dinastia romagnola diviene l'icona dell'antiberlusconismo, dell'antitotalitarismo, del garantismo e pure dell'antigarantismo. E chissene del fascio.
Niente da obiettare, il ragazzo si farà diceva il cantante imitando Dylan: ebbene, questo ragazzo si sta già facendo. Non sappiamo di cosa, ma è roba che gli fa bene.