sabato 19 dicembre 2009

matrifrida - viche perzi

Cocche vota chiuveva. Succede, comm’a n’incrocio ‘e pali. E cuanno chiuveva, stévemo ll’ore sane a guarda’ ‘n cielo pe’scuva’, dint’e nuvole, ‘nu pertuso ca ‘o sole se avessa potuto ‘nfizzà. E allarga’. E cuanno chiuveva, chella pòvera ‘e lava ca, cu’o sole, fina fina s’azzecca ‘n gann’ e nun fa arriciatà, s’ammastecava cu’ll acqua, s’appantanava, se spugnava, se quagliava, e faceva ‘na fanghiglia ca asciv’ a miez’o campo tutt’nzaccariato. Comme a dint’a ‘na trincea, pecchè nunn’è ‘o sang ca ammarchia a guerra, ma ‘o turreno. Pecchè si tiene ‘o sang n’cuoll, vo’ dicere ca d’a guerra nun ce ajesci cchiù.
Chella era a guerra nostra, ‘na guerra bella, senza carogne. E je e te erem’e campion tu a ‘na parte e je a chell’ata… chill’ ca addecidevano pe’ ll’ate: se vinceva e se perdeva si tu stive stuorto e je diritto o tutt’ ‘o cuntrario. Nemic’ sì, o’ principio erem’ nemic’. Ma cuanno aropp’ avimma jucato ‘nziem embè… cocche vota avimma fatt’o rrevuot Affre’: ‘na stagione, cu’o sole ch’arragliava n’capa e e’ pier’ ca vullevano n’copp’a stella splendente, veco ca t’arriva ‘stu pallone: è ‘na palla bbona, moscia moscia ca fa’ pe’tte ji’ ‘n capa… e ‘n pietto a me penso: oilloc oì, appizz’e ‘rrecchie ca mo succede coccosa… pecchè cu ‘a capa, Affre’, nun sì mai stato bbuono. Embè nemmen’o tiemp d’o ppensa’ ca veco ca te muov’ e ‘na manera ca me significa una cosa: ‘a spalla: m’a stai rann’ cu ‘a spalla. Ma nun me meraviglio pecchè, si ce sta na cosa ca te ‘mpara ‘o lagno è ca ea truva’ n’ata via, pecchè a lava è tosta e c’ea avuta’ attuorno. E ‘a palla me l’ea rata bbona, sulo ca je stev’pensann’ ‘sti ccose e mo me trovo aret’ rispett’o pallon’: teng’ a un n’cuoll e aggia correre, aggia correre, ‘o pallone sbatte n’terra e fa’ pe se ne jì mentre ‘o purtiere, pure ‘o purtiere, st’omme sfortunato, sta ascenn p’ s’o piglià, e je aggia correre, aggia chiudere ‘stu cerchio, nunn’aggia jittà chella palla… chella spalla e… corro, pe’ddui passi corro pecchè a’ palla era bbona, e mentr’o purtiere se fa annanz’ je allong’a coscia, cu’o per’ avutato, e ‘a piglio ‘e sola.
Uanam’ d’a maronna Affre’, spalla-sola nun’s’è mai vista manco fra Careca e Maradona!
Avimma fatt’a storia, ‘na storia piccerella e tutta nostra. Ma ‘o meglio d’a bellezza che vuo’ fa’, è cuanno stamm’ contro pecchè… pecchè forse ll’arte se fa a sul’, o pecchè ll’artista campa ‘a capa soja. E allora o’ vvir ca pe’vvulere e ‘ddio, ‘nu dio cchiù bell’ e cchiù tunn’ e cchiù preciso, avimma essere nemic’. Pecchè ‘e cumpagn so’ comm’o bancolotto, succedeno, comm’a ‘na traversa. Ma ‘e nemic’ invece, se sceglieno fino all’urdemo: pe’ paura, pe’ rispetto, pe’ curaggio. ‘E nemic’ so’ ‘nu specchio pe’vvede’ si tien’ ‘e palle. ‘E nemic’ so’ ‘nu tiro a giro, ca fa ‘n’ata via, ‘na via cchiù longa e cchiù precisa. Embè cumpagno mio, mo ca te stai spusanno e fai ‘a cosa cchiù bella, mo ca t’a aizi ‘e spalla e tu stess’ ‘a sign’ ‘e sola, t’aggia dicere tutt’o bbene ca te voglio e ca pe’ssemp’ tu sarrai o’ meglio nemic’ mio.
p
Mi perdoni il purista, ma per scrivere correttamente il napoletano occorrerebbero tre lauree in accentologia. E poi che ci importa? Alfredo sta iniziando a sposarsi.
Te quiero nemigo.

10 commenti:

egine ha detto...

quasi quasi mi risposo con martina se mi prometti
la stessa chiusura "Embè cumpagno mio, mo ca te stai spusanno e fai ‘a cosa cchiù bella, mo ca t’a aizi ‘e spalla e tu stess’ ‘a sign’ ‘e sola, t’aggia dicere tutt’o bbene ca te voglio e ca pe’ssemp’ tu sarrai o’ meglio nemic’ mio."
Ciao Ciro auguri a Marzia e a te, io me ne vado in
spagna e torno per la fine di gennaio.

PS. auguri Alfredo!!!!!

gians ha detto...

Se tu hai qualche difficoltà con gli accenti, capirai la mia nel leggerli. In ogni caso il post è chiaro e io sono felice per te e per Marzia. Auguri quindi per il vostro matrimonio, spero nulla di serio, nel senso ci debba essere sempre spazio per l'allegria.

Un abbraccio.

Anonimo ha detto...

'nt'o'culo i puristi.

Se fossi Alfredo avrei inzuppato la tastiera, o riempito la teiera, che dir si vuolse, colle dove si puote, e bò!

Frida ha detto...

E il dio della pelota - e d'altre vie - benedisse il muna

frida ha detto...

cit: il portiere - d'improvviso anche i morti -, che muna!

Tess ha detto...

eh complimenti perchè non è facile e auguri ad Alfredo. E buon Natale a te Ciro

NicPic ha detto...

auguroni Cirobbello.
Nic

frida ha detto...

razie Tess!
Munacièje cca stong...

Ugolino Stramini ha detto...

Buon 2010.

bp ha detto...

daje de sola, munaciè!